Valle del Boyne

I monumenti megalitici

Valle del Boyne
Valle del Boyne

I MONUMENTI MEGALITICI
DELLA VALLE DEL BOYNE

A circa una cinquantina di chilometri a nord di Dublino, si trova la collina di Newgrange.
Identificata come il luogo di sepoltura dei leggendari re di Tara, e prima ancora dimora di esseri soprannaturali, deve il suo nome al fatto che nel 1142 entrò a far parte dei possedimenti dell’Abbazia di Mellifront.

Durante alcuni lavori per la costruzione di una strada, nel 1699, fu scoperta una cavità sotterranea. Forse la superstizione, forse la paura di risvegliare antiche e terribili divinità, impedì che si indagasse a fondo sulla sua origine.

Nel 1962, un gruppo di archeologi decise di condurre scavi approfonditi trovando e studiando una tomba risalente circa al 3.200 a.C. Oggi Newgrange ha la più alta concentrazione di costruzioni preistoriche in Europa. Trenta complessi megalitici, risalenti al Neolitico, sono racchiusi in un’aerea di appena otto chilometri quadrati lungo la valle del fiume Boyne.

Newgrange è un tumulo di circa ottanta metri di diametro e racchiude una camera sepolcrale a forma di croce cui si accede attraverso un corridoio delimitato da ventidue pilastri sulla parte ovest, e da ventuno su quella a est.

Costruito in modo da provocare un curioso fenomeno astronomico, nei giorni che intercorrono tra il 19 e il 23 dicembre, per diciassette minuti, al levarsi del sole, il primo raggio filtra nello stretto passaggio fino a illuminare la camera.

Il perimetro del tumulo, costruito con terra, pietre e ricoperto d’erba, è segnato da novantasette pietre quasi regolari, chiamate dagli archeologici “kerbstones”, alcune recano splendide incisioni: spirali, losanghe, linee a zig-zag e semicerchi concentrici.

Nonostante gli scavi all’interno della camera sepolcrale abbiano riportato alla luce i resti di tre corpi, sette tavolette di marmo, quattro pendenti, perline di osso e una lamina di selce, gli archeologici sono concordi nel ritenere che, questo e gli altri monumenti megalitici, avessero anche una funzione cerimoniale e sociale e non solo funeraria.

Precedente Corteo storico Conte Giovanni di Montfort Successivo Adorare Aten